Condividi
24 Settembre, 2023

Lettera alla coscienza di tutti i docenti

Cristina, oggi giovane adulta, condivide la sua storia e si rivolge a tutti i docenti perché sappiano leggere oltre i quaderni dei propri alunni.
ItaliaAdozioni
insieme a favore di una migliore cultura dell'Adozione e dell'Affido

Ciao a tutti! Sono Cristina e ho 8 anni, sono in 3 elementare e oggi vado a ritirare la pagella con mamma.

Quest’anno, nonostante papà sia morto da poco, mi sono impegnata tanto a scuola e spero che tutti se ne accorgano, soprattutto mamma: voglio che sia fiera di me!

Mamma ultimamente non sta tanto bene, dicono che sia depressione, ma io non lo so bene che significa; cerco sempre di fare la buona, ma a volte non ci riesco e allora mamma mi da le botte con i giornali, ma io so che me lo merito, perché mamma sta male e io non posso perdere le cose a scuola oppure giocare troppo, perché così la faccio innervosire e lei non può vedersi i suoi programmi preferiti alla TV.

A scuola mi dicono che non scrivo bene, che dovrei stare più attenta alla calligrafia e che sono distratta, ma non lo faccio apposta, è che mamma ancora non ha potuto comprarmi un tavolo per studiare, così mi tocca scrivere sulla sedia oppure sulla tavoletta del water in bagno, che è diventato la mia stanza, perché la mia cameretta adesso è piena di cose, che mamma ha comprato per quando sarò più grande, dice. Anche tutto il resto della casa è pieno di cose che la mamma dice che le potrebbero servire in futuro, tiene anche il pane vecchio e le buste rotte! Io glielo vorrei dire alle maestre, ma poi tanto non mi credono, quindi cerco di impegnarmi di più.

Quest’anno penso di aver fatto proprio un bel lavoro, ho preso solo un’insufficienza a storia, però poi l’ho recuperata subito. La maestra mi ha detto che dovrei stare più attenta quando studio e che devo impegnarmi di più a casa; però io cerco di studiare, è che mamma spesso non mi viene a prendere a scuola e mi lascia ad aspettare in palestra fino a sera e poi se non è tanto contenta, mi da le botte e allora io proprio non ci riesco a studiare. Ma forse dovrei solo studiare di più, come mi hanno detto le maestre e così sarei più brava e magari mamma non me le darebbe più le botte.

Oggi però alle pagelle non è andata come volevo. I voti sono tutti belli, ho anche preso degli 8! Però le maestre dicono che dovrei socializzare di più in classe e che sto sempre da sola, che non mi va di parlare con i miei compagni. Mentre la maestra diceva questa cosa, io mi sono chiesta se l’avesse vista mamma che non sta tanto bene, che oggi non si è pettinata e che io ho sempre i capelli che mi prudono e che tante volte mi vengono i lividi quando mamma mi da le botte, anche se lei non vorrebbe darmele perché è buona. Allora mi sono chiesta se è tanto importante fare amicizia in classe, che poi io un’amica ce l’ho e si chiama Sara. Perché devo fare amicizia pure con gli altri se mi stanno antipatici e non mi vogliono mai parlare? E poi hanno preso in giro una mia compagna marocchina e le cantavano quella canzone “Com’è bello andare in giro con le ali sotto ai piedi” ma al posto delle ali c’era il suo nome e le maestre non hanno detto niente. Allora perché a me dicono che dovrei parlare di più con gli altri, ma non gli dicono che queste frasi non si dicono agli amici?

Chissà se un giorno le maestre si accorgeranno di me e di mamma che non sta tanto bene, così magari la aiutano a stare meglio. Se sta meglio poi, forse, non mi darà più le botte e io e potrò studiare di più come vogliono loro e stare più attenta e scrivere meglio, chissà.

Cristina Giovanelli

P.S. Ho subito, purtroppo, un’infanzia di maltrattamenti. Fortunatamente nel 2010 sono stata trasferita in casa famiglia e, successivamente, adottata. La mia famiglia adottiva oggi mi dà tanta luce e speranza per il futuro. Con questa lettera vorrei colpire il cuore degli insegnanti, perché si accorgano tempestivamente dei segnali che, in maniera più o meno manifesta, vengono lanciati dai loro alunni in grave difficoltà familiare.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Decoration sticker
Decoration sticker
Decoration sticker
Decoration sticker